dopo le prime offerte DAZN avanti su Sky

Lavori in corso in Serie A per la questione relativa ai diritti TV nazionali per il prossimo triennio, quello dal 2021 al 2024. La Lega punta ad incassare una cifra superiore rispetto al triennio precedente, e per farlo si punterà su diverse combinazioni d’acquisto, con la novità relativa alla creazione di un canale tematico da gestire in proprio grazie al sostegno di un partner che possa collaborare. Dopo la scadenza del termine per la presentazione delle offerte si è già delineato un primo quadro della situazione con DAZN in pole, davanti a Sky, e l’emittente satellitare e Infront interessate al canale della Lega.

Un bando più flessibile per mettere i differenti operatori nella condizione di potersi muovere più liberamente sul fronte delle offerte. Così la Lega Serie A punta ad incassare circa 1.15 miliardi di euro a stagione, ovvero 177 milioni in più rispetto al triennio 2018-2021, che Sky e DAZN si erano aggiudicati. Tra le novità, oltre alla rinuncia all’advisor che permette un corposo risparmio, anche un canale proprio su cui produrre e trasmettere tutti i propri contenuti, anche grazie al “sostegno economico” di un emittente.

Dopo la scadenza del bando è il momento di valutare le offerte. Secondo Il Sole 24 Ore, lo scenario attuale alla luce delle prime proposte ricevute vede DAZN davanti a Sky, con offerte su quasi tutti i pacchetti previsti. La piattaforma streaming mira a ribaltare quanto accaduto finora, con la possibilità di trasmettere 7 partite a giornata e non 3. Per quanto concerne invece il canale tematico della Lega Serie A, l’emittente satellitare e Infront si sono “mosse” con decisione.

Se questa prima fase dovesse chiudersi con un nulla di fatto, con le offerte non considerate all’altezza da parte della Lega Serie A, allora si procederebbe con una trattativa privata. Una situazione in cui potrebbero entrare in gioco oltre a Sky e DAZN, altri broadcaster interessati come Tim, Netflix, Eurosport, e Amazon che si è già assicurata la trasmissione di una serie di partite della Champions in Italia. In caso di ulteriore fumata nera, si passerebbe poi alla valutazioni delle offerte sul canale della Lega da estendere a tutte le piattaforme.

Quali sono le modalità di acquisto dei diritti proposti dalla Lega Serie A? Sul piatto due possibilità per cercare di garantire ai broadcaster condizioni più “elastiche”: la prima è per pacchetti, con tutte e 380 le partite, per satellite, digitale internet per un valore rispettivamente di 500, 400 e 250 milioni, il tutto da dividere in esclusiva con il canale della Lega; la seconda invece è di tipo misto, con un pacchetto da 7 partite a settimana in esclusiva per satellite, digitale e internet, uno con 3 su satellite, digitale e internet e uno rimanente da 3 su internet, del valore di 750, 250, e 150 milioni.

Source link

Share

Written by bourbiza

Comments

Leave a Reply

Loading…

0