Trump lascia la Casa Bianca. Il discorso prima dell’insediamento di Biden: «Ci rivedremo presto»- Corriere.it

Ha lasciato Washington poco dopo le 8 di questa mattina — ora americana —, con qualche minuto di ritardo, il presidente uscente Donald Trump, per raggiungere con l’elicottero Marine One, poche ore prima della cerimonia di insediamento del suo successore Joe Biden, la Joint Base Andrews, nel Maryland. Qui, Trump ha chiesto di avere un tappeto rosso per rivolgere un ultimo discorso ufficiale agli americani: un saluto con 21 salve di cannone e militari in uniforme da parata. Il presidente e la First Lady — che ha scelto di vestirsi completamente di nero — sono usciti dalla Casa Bianca, mano nella mano. «È stato un grande onore, l’onore di una vita. Le più grandi persone del mondo, la più grande casa del mondo. Abbiamo ottenuto molto», ha detto il tycoon. «Sono stati quattro anni incredibili».

«Abbiamo sviluppato un vaccino, un miracolo medico»

«Abbiamo tagliato le tasse e snellito la burocrazia. Abbiamo centrato molti obiettivi», ha esordito Trump nel suo ultimo discorso, ignorando — secondo la Cnn — quello preparato dai suoi assistenti. Parlando davanti ai sostenitori che gli cantavano We Love You, ha replicato: «We love you too, dal profondo del cuore. Abbiamo lavorato duramente, abbiamo lasciato il cuore sul campo, abbiamo dato tutto, nessuno può rimproverarci di non aver fatto il massimo, abbiamo fatto tutto il possibile», ha aggiunto. Senza dimenticare un riferimento all’emergenza sanitaria: «Abbiamo sviluppato un vaccino» contro il Covid «in pochi mesi, un miracolo medico. Noi siamo riusciti ad averne due, è stato un obiettivo straordinario».Alla nuova amministrazione, infine, un augurio: «Il futuro di questo Paese «non è mai stato più luminoso. Spero che il nuovo governo — ha chiarito Trump senza mai nominare Biden, nei pochi minuti del suo intervento — possa avere successo e fortuna. Credo lo avranno. Hanno già le basi, li abbiamo messi in una posizione migliore di quella avuta dai governi precedenti considerato anche che il Paese è stato colpito» da una grande piaga («un virus cinese»). Infine, un saluto che ha il suono di un arrivederci, non di un addio: «Ci rivedremo presto, ritorneremo, in qualche modo».

I ringraziamenti allo staff della Casa Bianca

Alla cerimonia hanno preso parte amici ed ex funzionari dell’amministrazione. Come previsto, l’ex vice Mike Pence — che ha già salutato ieri il presidente uscente — non era presente al saluto alla base di Andrews, mentre andrà all’insediamento di Biden come nuovo presidente e poi tornerà nel suo stato dell’Indiana. Non prima di aver lasciato, come tradizione, una lettera per la vicepresidente eletta Kamala Harris alla Casa Bianca. Dal Maryland, Trump — accompagnato dalla moglie Melania — è ripartito alla volta del suo resort di Mar-a-Lago a Palm Beach, in Florida, a bordo dell’Air Force One, sulle note di My way di Frank Sinatra. Una scelta forse non casuale, per una canzone il cui testo recita: «Rimpianti, ne ho pochi… ho fatto quel che ho fatto». Alcuni membri dello staff della Casa Bianca accompagneranno l’ex presidente in Florida, dove continueranno a lavorare per la sua famiglia. A ringraziare lo staff della Casa Bianca per il lavoro svolto in questi anni non sarebbe stata direttamente la first lady, ma — secondo due fonti a conoscenza dei fatti citate da Cnn — un membro dello staff dell’ala est, incaricato da Trump di svolgere il compito a nome della first lady. Rispettando la tradizione, anche Trump ha lasciato alla Casa Bianca una lettera per il suo successore (sul «Resolute desk», la storica scrivania dello Studio Ovale).

Biden: «Un nuovo giorno in America»

Mentre Trump si è congedato ufficialmente dai suoi quattro anni di presidenza, Biden, la moglie Jill, la vicepresidente eletta Kamala Harris e il marito hanno preso parte a una cerimonia religiosa nella Cattedrale dedicata a san Matteo, insieme ai leader del Congresso, sia democratici che repubblicani. La futura portavoce della Casa Bianca, Jan Psaki ha sottolineato oggi quanto il nuovo presidente consideri importante la presenza di una delegazione bipartisan alla messa come segnale «di un nuovo cammino» di unità politica e riconciliazione. E proprio il neo-presidente — ha assicurato ancora Psaki — ha deciso di non parlare nel suo primo discorso di Trump: «Sarà un discorso che guarda avanti», incentrato sul tema dell’unità, parlando con la Cnn. Subito dopo la partenza di Trump dalla Casa Bianca, intanto, Biden ha commentato su Twitter: «È un nuovo giorno in America».

Trump concede la grazia a 143 persone

Intanto, nella tarda serata di martedì, a poche ore dal nuovo insediamento, Trump ha concesso la grazia a 143 persone, che in diversi casi hanno avuto legami con lui o con la sua amministrazione. Tra queste anche Steve Bannon, ex consigliere e stratega di Trump e noto attivista di estrema destra, che lo scorso agosto era stato arrestato con l’accusa di truffa e riciclaggio di denaro. E anche la compagna di Julian Assange, Stella Morris, si è appellata al Presidente uscente perché negli ultimi minuti del suo mandato conceda il perdono al fondatore di Wikileaks, Julian Assange. «Presidente, è ancora in tempo per perdonare Julian, se vuole», ha scritto in un tweet.

20 gennaio 2021 (modifica il 20 gennaio 2021 | 17:13)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Source link

Share

Written by bourbiza

Comments

Leave a Reply

Loading…

0