Benno Neumair, la prima notte nella cella di isolamento- Corriere.it

Una lunga attesa nella cella di isolamento del carcere di Bolzano, poi una breve udienza e poi di nuovo il carcere. Questa la cronaca delle ultime 24 di Benno Neumair che ora si trova detenuto in isolamento nel vecchio palazzo di via Dante. Isolamento che potrebbe finire molto presto, il trentenne prof accusato di aver ucciso di genitori Peter Neumair e Laura Perselli, infatti stato sottoposto al tampone ed risultato negativo. E presto dovrebbe essere trasferito insieme agli altri detenuti perch il protocollo di sicurezza della casa circondariale di Bolzano non prevede una vera e propria quarantena. Anche perch, oltre al personale, c’ una drammatica carenza di spazi. In isolamento il giovane ha passato la prima notte e al mattino ha fatto un po’ di ginnastica.

Al mattino Benno apparso molto turbato ai suoi avvocati Angelo Polo e Flavio Moccia. Ma nel giro di qualche giorno l’isolamento finir e dovrebbe arrivare il trasferimento nella terza sezione che quella dove si concentrano gli italiani ed i sudtirolesi. Non esattamente il paradiso, visto che proprio ieri, in occasione dell’inaugurazione dell’anno giudiziario, la presidente della Corte d’Appello Carla Servetti, ha denunciato la situazione del carcere di Bolzano e il rischio che avvengano disordini sottolineando la necessit di interventi immediati sulla struttura fatiscente. Al momento con solo 88 posti disponibili ci sono 102 detenuti e mancano almeno una decina di guardie carcerarie.E i disordini sono gi cominciati: proprio nelle ultime settimane il carcere stato molto attenzionato a causa dei violenti scontri tra due gang rivali. La direttrice Annarita Nuzzaci e la polizia penitenziaria sono riusciti a riportare una certa calma ma, tra sovraffollamento e carenza di personale, la situazione rimane esplosiva.

31 gennaio 2021 (modifica il 31 gennaio 2021 | 07:58)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Source link

Share

Written by bourbiza

Comments

Leave a Reply

Loading…

0