Il figlio di Allan ha l’alopecia e lui si è rasato i capelli per essere come il figlio

Il figlio di Allan, Miguel, ha l’alopecia, una malattia autoimmune che gli ha causato la caduta dei capelli. Il papà ha deciso di rasare la propri chioma per essere come il bimbo. Un gesto bellissimo compiuto dall’ex calciatore del Napoli, carico d’affetto nei confronti del piccolo colpito da quella patologia che non è grave dal punto di vista fisico ma provoca conseguenze estetiche, disagio emotivo di non vedersi più come prima e paura di restare ‘diverso’ per chissà quanto tempo.

Il brasiliano, oggi all’Everton (lo ha voluto Ancelotti che lo aveva allenato nella parentesi alla guida dei partenopei), ha condiviso sui social network una foto, nella quale è accanto al ragazzino sorridente, a corredo di un messaggio molto toccante. Allan parla da padre preoccupato e dispiaciuto per le condizioni del piccolo. E l’incipit del post spiega bene quanto sia stato difficile per lui parlare pubblicamente di un argomento del genere.

Ho pensato molto se dovessi parlare di questo argomento qui, perché la verità è che non mi trovo così a mio agio – le parole del centrocampista sudamericano -. Non sapevo cosa dire ma dopo aver pregato e pensato un po’ ho deciso di condividere questa situazione che stiamo vivendo da tempo. Quando il nostro Miguel aveva 4 anni gli è stata diagnosticata l’Alopecia, una malattia autoimmune in cui il corpo attacca il follicolo pilifero stesso. L’unico problema principale con l’alopecia è l’estetica. Il nostro Miguel è super sano e raramente ha bisogno di prendere medicine, grazie a Dio.

Perché Allan ha deciso di rendere pubblica una vicenda strettamente privata? Lo ha fatto per un motivo: evitare che il figlioletto si sentisse più libero, non avesse paura di mostrarsi per come è adesso nonostante – spiega nel messaggio – le domande e gli sguardi delle persone. #fatherlikeson ovvero il padre come il figlio è l’hashtag che sceglie a suggello del post.

Ho deciso di mostrare la foto di mio figlio proprio per preservarlo. È un bambino felice, ride sempre! È il sole di casa nostra. Prende tutto bene e a volte prende in giro se stesso. Ma a volte finisce per essere rattristato dalle domande e dagli sguardi. E non voglio più vederlo così.

Source link

Share

Written by bourbiza

Comments

Leave a Reply

Loading…

0