in , , ,

È deceduto Bobby Unser, la della 500 miglia con Indianapolis  

Il imperituro aviatore statunitense Bobby Unser è deceduto. Il tre volte trionfatore della 500 Miglia con Indianapolis e 10 volte trionfatore della Pikes Peak International Hillclimb, una fantasma quanto a Espressione 1 si è finito nella sua appartamento con Albuquerque, nel New Mexico, all’periodo con 87 . Lascia la Lisa e i quattro Bobby jr., Robby, Cindy e Jeri.

Unser è l’singolo prossimo aviatore in aggiunta a Rick Mears a spezzare la Indy 500 quanto a tre decenni svariati avendo trionfato nel 1968, nel 1975 e nel 1981. Nella sua longeva impiego vanta quandanche una principio quanto a Espressione 1 nel Gran degli Stati Uniti del 1968 a Watkins Glen, giacché a guarnizione della BRM si ritirò a ideali con un quesito al spinta.

Il eleganza ’34 è unito dei più o meno vincenti piloti statunitensi dello svista : più in là ai successi a Indianapolis e Hillclimb ha invero ottenuto quandanche sette vittorie nella USAC Scatto Car (piazzandosi terzo nella nel 1965 e nel 1966), sei successi nella USAC Deposito Car e tre nella USAC Midget.

Fu la IndyCar tuttavia a farlo passare nella degli sollazzo motoristici: ha difatti definito la sua impiego 35 vittorie finendo otto volte sul podio nella e per certo questo nel 1990 è inserito nella Indianapolis Motor Speedway Vestibolo of Carestia.

Si è dalle corse direttamente seguente la sua controversa ultima alla Indy 500, della quale familiare a ideali con un sofisticheria legale. Cinque mesi seguente, a successo con una opposizione e con una ideali regolare del padrone della schiera Roger Penske, la fu ripristinata e la martirio è stata commutata quanto a una penale con 40.000 dollari per certo il aviatore. Ciò tuttavia né ha adatto formare a Unser cosa ha lasciato perpetuamente il volante.

Source link

What do you think?

Written by bourbiza

Rispondi

GIPHY App Key not set. Please check settings

il pensionato le fabbricava quanto a dimora

Quali sono le province a causa di il maggior numeri nato da contagi Coronavirus