in ,

cosa sono e come (forse) funzioneranno- Corriere.it

La molla la paura delle nuove varianti del coronavirus; l’obiettivo limitare il pi possibile gli spostamenti non necessari. La soluzione prospettata la zona rosso scuro. La presidente della commissione Ue Ursula Von der Leyen ha nei giorni scorsi illustrato questa concatenazione di elementi, proponendo per l’appunto in tutto il territorio dell’unione la possibilit di restrizioni ancora pi rigorose agli spostamenti da e verso zone dove sono esplosi focolai particolarmente virulenti o generati dalle cosiddette varianti. Ora una simulazione effettuata sempre dalla Ue individua tre regioni d’Italia (Veneto, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia) che potrebbero diventare zone rosso scuro. Ma che cosa di preciso questo meccanismo e quali regole lo identificano?

Confini sempre aperti

Si parla – come detto – ancora di una proposta che deve essere messa a punto ma che muove i passi da una duplice considerazione. La prima: occorre mantenere il pi possibile a parte le frontiere interne tra Stati Ue; la seconda: occorre scoraggiare tutti gli spostamenti non necessari. Ma come salvare l’uno e l’altro in un’area dove vivono oltre 400 milioni di persone libere di muoversi senza controlli alle frontiere (solo gli aeroporti, al momento possono garantire un minimo di filtro sanitario)?

Test in partenza (non in arrivo)

Ecco dunque l’idea della zona rosso scuro. Questa prima di tutto non dovrebbe coincidere con uno Stato ma potrebbe essere identificata con un’area pi circoscritta investita da un’ondata di contagi. Queste zone potrebbero essere dichiarate off limits per tutti e chiunque volesse uscirne dovrebbe dimostrare – oltre alla necessit inderogabile dello spostamento – di essere immune. Come? Presentando un test negativo al momento della partenza e osservando un periodo di quarantena al punto di destinazione. A spingere verso questa soluzione sono in particolare Germania e Francia; sia Merkel che Macron auspicano per una linea di comportamento comune tra tutte le capitali dell’Unione. Linea comune che al momento non pare esserci sul cosiddetto passaporto vaccinale.

22 gennaio 2021 (modifica il 25 gennaio 2021 | 18:04)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Source link

What do you think?

Written by bourbiza

Rispondi

GIPHY App Key not set. Please check settings

Cosa si sono detti Lukaku e Ibrahimovic durante Inter-Milan di Coppa Italia: il dialogo

Il virus muta ma i vaccini rispondono